76° Anniversario della Battaglia di Nikolajewka

Sabato 26 Gennaio 2018, una delegazione della nostra Associazione, composta dal Presidente Roberto Conti, dal Socio Alfiere Fabrizio Bernardi e dal Socio Gianluca Porqueddu, ha partecipato alle celebrazioni, che si sono tenute presso il Mo​numento, dedicato alla memotia dei Caduti della Seconda Guerra Mondiale, sito nel Parco degli Alpini, a Barga; del 76° Anniversario della Battaglia di Nikolajewka, che vide tra i partecipanti e tra i caduti, numerosi militari barghigiani, cui va un commosso ricordo.

Barghigiani ai tempi della naja

Barghigiani ai tempi della naja. Si chiama così la mostra che rientra tra le iniziative che l’ Associazione Militari in Congedo di Barga, congiuntamente al Gruppo di Barga dell’ Associazione Nazionale Alpini e alle altre Associazioni d’ Arma presenti sul territorio comunale, ha varato questa domenica 28 ottobre quale prima iniziativa per le celebrazioni del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale.

La mostra è stata inaugurata domenica insieme ad un’altra esposizione riguardante specificatamente la “Grande Guerra” ed è ospitata presso il museo “Stanze della memoria” di Barga

Barghigiani al tempo della naja, vede in mostra cimeli, uniformi, copricapo e oggettistica varia riguardante il Servizio Militare di Leva degli abitanti del comune di Barga. In esposizione anche le fotografie dei barghigiani che hanno prestato il servizio di leva, che li ritraggono in divisa o durante le attività legate comunque al servizio di leva.

Tratto da “Il Giornale di Barga

Celebrazioni IV novembre

Da Domenica 28 Ottobre a Domenica 4 Novembre

  1. Mostre “La Grande Guerra” e Barghigiani ai tempi della Naja”
  2. Deposizione corone di alloro ai cippi e alle targhe commemorative dei  caduti nelle frazioni.

Sabato 3 Novembre

  1. Mattina, deposizione delle corone d’ alloro, presso i cippi e le targhe commemorative per i caduti della Guerra ’15-’18.
  2. Pomeriggio Alzabandiera al Monumento ai Caduti di Barga
  3. Picchetto al Monumento ai Caduti di Barga.
  4. Concerto “Coro Alpi Apuane”

Domenica 4 Novembre

Mattina, a Fornaci di Barga:
  1. Messa in suffragio dei caduti.
  2. Cerimonia al Monumento ai Caduti di Piazza IV Novembre

Pomeriggio, a Barga:

Omaggio alla tomba di Francesco Baracca

Domenica 30 settembre, una delegazione della nostra Associazione; della quale facevano parte il Presidente Roberto Conti, il Socio Andrea Bertolini e Amedeo Terzo Chiappa, in rappresentanza del Motoclub Gatti Randagi di Barga; si è recata, in moto, a Lugo (Ravenna) per visitare la Casa Museo del Maggiore Pilota Francesco Baracca; il leggendario “Asso degli Assi” dell’Aviazione da Caccia Italiana, che fu abbattuto, nel giugno di 100 anni fa, dopo 34 duelli aerei vinti, dai proiettili incendiari delle mitragliatrici austroungariche, mentre sceso a bassa quota era intento a mitragliare le linee nemiche; e per celebrare una breve cerimonia, in cui sono stati resi gli onori ed è stata deposta una corona d’alloro, alla tomba del pluri-medagliato Eroe dei cieli; attraverso questo omaggio al “Barone Rosso” italiano, si è voluto ossequiare tutti quei militari che perirono e combatterono nei cieli della Prima Guerra Mondiale.
L’evento ha concluso il ciclo che, con le visite al Sacrario del Monte Grappa e a quello dei Marinai sul Monte Serra, ha inteso rendere omaggio a tutti quei militari italiani che persero la vita e combatterono sui campi di battaglia, sui mari e nei cieli della Prima Guerra Mondiale, accompagnandoci così verso le grandi celebrazioni del Centenario della Festa del IV Novembre (giorno della fine delle ostilità sul fronte italiano, Festa della Vittoria, dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate).

Visita al Sacrario Faro del Monte Serra

Mercoledì 22 agosto una delegazione di componenti dell’Associazione Militari in Congedo di Barga si è recata in moto al Sacrario Faro del Monte Serra, dove sono custoditi i nomi dei 38 Allievi Ufficiali dell’Accademia Navale di Livorno, del loro Ufficiale Accompagnatore e dei 5 membri dell’equipaggio dell’aeroplano dell’Aeronautica Militare, che il 3 marzo 1977 si schiantò durante un volo di ambientamento.
Durante la visita si è tenuta una breve cerimonia, nella quale la delegazione ha tributato gli onori ai Caduti e il socio Francesco Talini, quale rappresentante d’Arma, ha deposto una corona di alloro.
L’iniziativa faceva parte del calendario di celebrazioni che le Associazioni d’Arma del Barghigiano stanno mettendo in atto per commemorare il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale; attraverso gli onori ai marinai caduti sul Monte Serra nel 1977 si è voluto tributare un doveroso omaggio a quei combattenti di mare che, oltre 100 anni orsono, dettero il loro contributo di sangue nella Grande Guerra.
A questo viaggio della memoria hanno partecipato il Presidente Roberto Conti, il Consigliere Francesco Talini, il Socio Mauro Venturelli e il Socio Andrea Bertolini.

Barga in grigioverde, cimeli e foto della naja dei barghigiani cercasi

Barga in grigioverde. Si chiama così la mostra che rientra tra le iniziative che l’ Associazione Militari in Congedo di Barga, congiuntamente al Gruppo di Barga dell’ Associazione Nazionale Alpini e alle altre Associazioni d’ Arma presenti sul territorio comunale, varerà per le celebrazioni del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale.
La mostra si terrà insieme ad un’altra esposizione riguardante specificatamente la “Grande Guerra”.
Barga in grigioverde, barghigiani al tempo della naja, questo il titolo completo dell’esposizione, vedrà in mostra cimeli, uniformi, copricapo e oggettistica varia riguardante il Servizio Militare di Leva degli abitanti del comune di Barga, inoltre le fotografie sempre dei barghigiani che hanno prestato il servizio di leva , che li ritraggono in divisa o durante le attività (sono bene accette anche le foto di cittadini dei comuni limitrofi).
Chiunque avesse piacere di prestare i propri cimeli, fanno sapere gli organizzatori, può rivolgersi all’Associazione Militari in Congedo di Barga, contattandone il Presidente Roberto Conti, al numero 3388711540, o inviando una e mail a amcbarga@gmail.com; chi invece gradisse vedere visualizzata la propria fotografia, o quella di un congiunto, può inviarla, se in forma digitale, sempre all’ indirizzo amcbarga@gmail.com, o a quello di questo Giornale, che collabora all’ iniziativa, all’ indirizzo redazione@giornaledibarga.it; chi invece fosse in possesso soltanto della fotografia in forma cartacea può portarla al Segretario dell’ A.M.C. Maurizio Mori (lo trovate negli uffici della Concessionaria Lunatici di Barga), o ancora presso la sede di questo Giornale, la stessa verrà restituita dopo la scansionatura necessaria a farne una copia digitale. In tutti i casi con l’invio del proprio materiale si prega di allegare nome e cognome del fotografato e anno/i in cui è stato prestato il servizio (se non fosse conosciuto, va bene il periodo approssimativo, per esempio “Anni ’50”), Arma, Specialità e Reparto (o ciò cui si è a conoscenza).

Visita (in moto) al Sacrario del Monte Grappa

Il 14 e 15 luglio una delegazione di componenti dell’Associazione Militari in Congedo di Barga e dell’Associazione Nazionale Alpini del Gruppo di Barga si è recata in moto al Sacrario del Monte Grappa, dove riposano i resti di 22.950 soldati della “Grande Guerra”, tra italiani e austroungarici, che si combatterono in quelle zone durante il Primo Conflitto Mondiale.

Durante la visita si è tenuta una breve cerimonia, nella quale la delegazione ha tributato gli onori ai Caduti e deposto ai piedi dell’altare della Cappella del Sacrario un mazzo di fiori, sul cui nastro è riportato l’omaggio da parte di Barga a quei ragazzi che persero la vita in quegli eventi di cento anni fa.

Purtroppo a causa del maltempo, che ha violentemente colpito la zona dal pomeriggio alla serata del sabato è stata cancellata la programmata visita al Col Moschin, luogo che vide le gesta degli Arditi del IX° Reparto d’Assalto, costringendo i partecipanti a ritirarsi nella sede di Bassano del Grappa.

Domenica si è tenuta invece una visita al Museo degli Alpini di Bassano; nel quale sono conservati ed esposti importanti cimeli risalenti al periodo della Prima Guerra Mondiale e a quello della Seconda Guerra Mondiale.

Alla “due giorni” della memoria, hanno partecipato, in rappresentanza dell’Associazione Militari in Congedo, il Presidente Roberto Conti, il Consigliere Massimo Bilia (accompagnato dalla signorina Nisha Franchi), il socio Stefano Salotti (accompagnato dalla consorte Elisabetta Boggi). Con loro il Capogruppo Andrea Bertolini, in rappresentanza del Gruppo Alpini e il membro del Moto Club Gatti Randagi di Barga, Amedeo Terzo Chiappa.

L’evento faceva parte delle iniziative che le Associazioni d’Arma, presenti nel territorio del comune di Barga, stanno mettendo in atto per celebrare il centenario della fine della “Grande Guerra” e che culmineranno con le celebrazioni del IV Novembre.

Tratto da “Il Giornale di Barga”, leggi qui l’intero articolo.

Celebrazione del 75° anniversario della battaglia di Nikolaevka | 23 gennaio 1943

La nostra associazione ha partecipato alla celebrazione del 75° anniversario della battaglia di Nikolaevka del 23 gennaio 1943.

E’ stato un momento solenne ed anche toccante il ricordo, l’omaggio che Barga ha reso a tutti i soldati, di ogni arma, caduti durante la seconda guerra mondiale. Il tutto nell’ambito della celebrazione del 75°° anniversario della sanguinosa battaglia di Nikolaevka. Fu combattuta il 26 gennaio 1943 e fu uno degli scontri più sanguinosi che coinvolse anche l’esercito italiano ed in particolare gli Alpini. Il 16 gennaio 1943, giorno di inizio della ritirata, il Corpo d’Armata Alpino contava 61.155 uomini. Dopo la battaglia di Nikolaevka si contarono 13.420 uomini usciti dalla sacca, più altri 7.500 feriti o congelati. Circa 40.000 uomini rimasero indietro, morti nella neve, dispersi o catturati. Migliaia di soldati vennero presi prigionieri durante la ritirata e radunati dai sovietici in vari campi. Solo una percentuale minima di questi prigionieri farà ritorno in Italia a partire dal 1945.

Tratto da “Il Giornale di Barga”, leggi qui l’intero articolo.